Puerto de la Cruz

Puerto de la Cruz è il secondo comune per importanza dell’isola di Tenerife, dopo la città di Santa Cruz de Tenerife. Puerto de la Cruz è situata sulla costa nord dell’isola nella valle di Orotava, si trova a 4 km ad ovest di La Orotava, a 37 km da Santa Cruz de Tenerife e a 25 km dall’aeroporto di Tenerife Nord, raggiungibile con l’autostrada TF5. Prima dello sviluppo di alberghi ed edifici, gran parte della zona era costituita da terreni agricoli. La notevole pressione fiscale ha portato alla sviluppo del territorio, che ha visto il passaggio dal carattere rurale agricolo urbano ad una zona basata sul turismo e sull’accoglienza.




Puerto de la Cruz occupa un posto di rilievo nella storia del turismo delle isole. E’ stata la prima località spagnola ad attirare il turismo europeo, ed attualmente è ancora meta di tantissimi visitatori e turisti provenienti da Germania, Regno Unito, Paesi Scandinavi e Spagna soprattutto. Prima del turismo di massa esisteva a Puerto de la Cruz, una minoranza di un turismo d’élite, interessati al clima e alla tranquillità del luogo. La vicinanza delle isole Canarie con l’Europa unito al clima bello e mite tutto l’anno, ottimo per la salute, è stato il fattore primario per il lancio del turismo moderno. Puerto del la Cruz si era guadagnata una reputazione illustre in tutta Europa, prima dell’avvento del turismo moderno, la città era in vantaggio rispetto ad altre località turistiche europee.

Il turismo è un settore importantissimo per la citta di Puerto de la Cruz, come dimostra il numero di alberghi di grandi dimensioni visibili nello skyline. Puerto de la Cruz è frequentata da europei del Nord durante i mesi invernali grazie al suo clima mite, ed è particolarmente popolata nel periodo di Natale e Capodanno. Il turista dell’Europa occidentale che arriva a Puerto de la Cruz, si concretizza per la maggior parte in coppie mature, in contrasto con altre località turistiche come Playa de las Americas. Nei mesi estivi si possono vedere i turisti spagnoli, in particolare nel mese di agosto, arrivati qui per sfuggire dal caldo intenso presente sul continente spagnolo.

Cose da vedere a Puerto della Cruz (Monumenti e luoghi di interesse)

Complesso Lago Martiánez o Piscine Martiánez: un complesso ricreativo disegnato dall’artista Canario, César Manrique composto da una serie di piscine e laghi, inaugurato nel 1977.

Giardino Botanico: costruito nel 1788 come giardino di acclimatazione.

La Casa Gialla: questo edificio è considerato il primo centro di Ecologia Primate della storia, avendo ospitato tra il 1913 e il 1918 la stazione antropoide di Tenerife, promossa dalla Accademia Prussiana delle Scienze di Berlino e diretto principalmente dal famoso psicologo tedesco Wolfgang Köhler (1887-1967).

Plaza del Charco: centro nevralgico del comune, attorno a questa piazza c’è la principale zona commerciale della città. Dentro c’è la famosa “pila” con albero di yam, che è la caratteristica principale di questo luogo cosmopolita.

Playa Jardín: formata da spiaggia di sabbia nera e dalla ristrutturazione di vecchie spiagge, è stata disegnata dall’artista César Manrique che ha creato ampie zone di giardini, molo, bar e ristoranti, luoghi di intrattenimento, ecc. Questa si compone di tre aree: Charcon Beach, Castle Beach e la spiaggia di Punta Brava.

Loro Parque: uno zoo all’aperto che da oltre 30 anni è specializzato nella conservazione di varie specie di pappagalli. Ha una superficie di 135.000 m² e dalla sua apertura, il Loro Parque ha ricevuto più di 40 milioni di visitatori.

Castello di San Felipe: costruito nel XVII secolo per difendere la città dagli attacchi dei pirati, è ora uno spazio culturale che ospita letture di poesie, concerti di musica e mostre.

Chiesa di Nostra Signora della Rocca di Francia: originariamente costruita nel 1697 è stata successivamente ingrandita. Anche se attualmente l’altezza della torre non può competere con gli alberghi, alla metà del secolo era la struttura più alta della città.

Paseo de San Telmo: passeggiata pedonale molto trafficata lungo la parte portuale della costa, che finisce con l’Eremo di San Telmo (1870).

Customs House: fondata nel 1620 rimase presso i locali, sede e residenza degli amministratori. Il suo attuale proprietario, il Cabildo Insulare di Tenerife, ospita un negozio di artigianato al piano terra e il Museo di Arte Contemporanea Eduardo Westerdahl (MACEW) in cima al palazzo.

Albergo Taoro: è uno dei primi hotel delle Isole Canarie (1890), poi trasformato in casinò e gestito dal Cabildo Insulare di Tenerife, attualmente è stato riportato al sua antica funzione di hotel.

Sitio Litre: casa del XVIII secolo che ha ospitato ospiti illustri, come la scrittrice Agatha Christie o l’esploratore Alexander von Humboldt. Attualmente è possibile visitare la casa che dispone di un giardino e di una collezione di piante tropicali e subtropicali.

Museo Archeologico di Puerto de la Cruz: con pezzi importanti della preistoria dell’isola, ospita l’idolo Guanche di The Guatimac (simbolo del museo).

Chiesa Anglicana di Puerto de la Cruz: situata all’interno del Parco Taoro, è un importante vestigia delle colonie britanniche nel XIX secolo dove si stabilirono nella città. Lo stile dell’edificio è di tipo gotico inglese, la prima pietra della chiesa fu posta il 7 maggio del 1890. In questa città il cimitero anglicano è il più antico delle Canarie.

Eventi

L’evento più importante della città è il Carnevale Internazionale di Puerto de La Cruz che comprende i seguenti eventi:

Gran Galà Elezione della Regina del Carnevale e Sepoltura della sardina.

Ponte Masked Heel: percorso ad ostacoli che si sviluppa intorno alle strade principali vicino il porto, in cui le maschere devono indossare scarpe di non meno di 10 cm di altezza.

Sfilata sul Corso del Carnevale: in questa festa che ha luogo generalmente a Febbraio o Marzo, di solito viene coinvolta una delegazione del carnevale di Düsseldorf, città tedesca con la quale il comune è gemellato dal 1972.


Booking.com


Puerto de la cruz di Tenerife

Puerto de la cruz di Tenerife

Un commento

Rispondi