Trovare lavoro nelle isole Canarie

Lavorare nelle Canarie: informazioni utili


Situate a 1,000 km dalla penisola iberica, le Isole Canarie formano una delle diciassette comunità autonome della Spagna e una delle destinazioni più popolari in Spagna dopo le principali città del paese, Madrid, Valencia, Siviglia e Barcellona.

Ultimamente è cresciuta anche la domanda per lavorare nelle Canarie. Le isole offrono molte opportunità per giovani lavoratori, tirocinanti e studenti e oltre ad un bel ambiente offrono anche un modo di vita eccezionale. L’arcipelago è soprattutto una regione turistica che attira ogni anno un gran numero di stranieri. Inoltre, sono numerosi anche gli espatriati che rappresentano il 12% della popolazione delle isole. Ma approfondiamo un po di più la conoscenza sull’economia delle Canarie.




L’economia delle isole Canarie

Nel corso degli anni il turismo è diventato uno dei principali pilastri economici delle isole Canarie, rappresentando più del 50% del suo PIL. Quasi 15 milioni di turisti hanno visitato le isole Canarie nel 2016! Anche altre aree del settore terziario, specialmente le esportazioni, il commercio e i servizi, mostrano grande vitalità.

I principali pilastri economici delle isole Canarie sono l’industria, inclusa la raffineria petrolifera, il settore agroalimentare e le attività portuali. Le due province, Las Palmas e Santa Cruz de Tenerife, sono anche regioni agricole e coltivano cereali, frutta esotica come mango, banane e ananas, viti, pomodori e tabacco. Il contributo del bestiame all’economia locale non è molto rilevante mentre si trovano anche nell’arcipelago piccole e medie imprese che contribuiscono notevolmente alla sua economia.

Il mercato del lavoro delle Canarie

Nonostante il dinamismo economico delle isole Canarie, il tasso di disoccupazione ha raggiunto il 25%, pari a 274.000 cercatori di lavoro, nell’ultimo trimestre del 2016 (qui potete vedere il tasso di disoccupazione secondo le varie zone e città). La maggior parte di chi cerca lavoro ha il profilo di rappresentante di vendita, autista o lavoratore manuale.

Le Canarie sono anche una delle regioni spagnole con i salari più bassi. Quindi può essere molto difficile per gli stranieri trovare un buon posto di lavoro. Tuttavia in alcuni settori come il turismo, quello alberghiero, call center, le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, oppure nel settore dell’educazione, si possono trovare posti di lavoro se, oltre allo spagnolo, si conoscono bene almeno altre due lingue straniere, come l’inglese, il tedesco, il russo o le lingue scandinave. In generale, i settori del trasporto, dell’industria, dell’edilizia, dei servizi e dell’agricoltura prediligono soprattutto candidati locali con le competenze richieste. L’arcipelago è comunque un ambiente di vita spesso scelto da i “nomadi digitali”, i liberi professionisti che sfruttano Internet per lavorare a distanza.

Trovare lavoro nelle isole Canarie

Non esitare ad inviare il tuo CV alle grandi aziende operanti nella regione se pensi di avere le competenze e le qualifiche richieste dal mercato del lavoro locale. Molto importante è anche utilizzare la tua rete di conoscenze per sapere tutte le offerte di lavoro, in quanto la maggior parte delle offerte viene trasmessa tramite il passaparola. Puoi anche controllare le offerte di lavoro nelle Isole Canarie sfruttando gli annunci pubblicati dai quotidiani locali e su Internet.

I lavori al bar e negli hotel o i lavori estivi per gli studenti sono probabilmente i più facili da conquistare. I dipendenti come barman, addetti alla manutenzione e alla sicurezza, i dirigenti di pubbliche relazioni sono richiesti soprattutto nei mesi estivi.

Gli orari di lavoro possono essere relativamente lunghi a causa della siesta tradizionale spagnola. Puoi iniziare a lavorare alle 10 del mattino, staccare per una pausa pranzo tra le 13 e le 16 e poi riprendere fino alle 19 o alle 20 (dipende tutto anche dal tipo di lavoro scelto).

Trovare lavoro nelle isole Canarie

Trovare lavoro nelle isole Canarie

Rispondi