Sentiero nel Parco rurale di Anaga

Parco rurale di Anaga, un viaggio tra natura e biodiversità


Il Parco Rurale di Anaga è una vasta area naturale protetta che si trova nel nord-est dell’isola di Tenerife ed è dichiarata Riserva della Biosfera. Il parco copre 14.418 ettari e si estende tra tre comuni: Santa Cruz, La Laguna e Tegueste. In totale, il Parco Rurale rappresenta il 7,9% dell’isola di Tenerife. La sua altezza massima la raggiunge con il picco Cruz de Taborno di 1024 m. di altitudine.

L’area di Anaga è la punta orientale dell’isola ed è, geologicamente parlando, la sua zona più antica. Si tratta di una ripida catena montuosa dalle vette frastagliate, dalle quali profonde gole e vallate scendono verso il mare formando numerose spiagge, spesso raggiungibili solo a piedi o in barca. Il parco è caratterizzato da una splendida area naturale, fatta di contrasti spettacolari e che ospita una ricca flora e fauna endemica, tutto frutto dell’isolamento e della varietà ecologica della zona.




Come arrivare

Ci sono due strade principali per accedere al parco. L’autostrada TF-12 che parte da Las Mercedes, una cittadina vicino a La Laguna. L’altra è la salita da San Andrés, vicino alla Playa de las Teresitas vicino alla città di Santa Cruz. Si può arrivare in bus oppure in macchina.

– In Autobus (Guagua): linee 945 e 947 da Santa Cruz e linee 076, 077, 273, 274 e 275 da La Laguna.

– In auto: lo svantaggio dei mezzi pubblici è che non puoi fermarti agli spettacolari punti panoramici che sono lungo tutto il percorso. Il modo migliore per visitare il parco è noleggiando un’auto. Nelle isole Canarie è possibile noleggiare auto da 20-25 euro al giorno. Quindi niente di meglio di una mappa, una macchina e un giorno intero per esplorare tutta l’area.

Cosa Vedere

– Montagne e spiagge: le montagne sopra la costa mostrano una vista di Anaga impressionante ma l’esperienza non è completa se non si attraversano i suoi numerosi sentieri che molto spesso portano a bellissime calette di sabbia nera e fine che punteggiano la costa.
 Formazioni geologiche impressionanti: è possibile ammirare splendide formazioni geologiche come le dighe (fessure riempite di magma solidificato che irrompono il paesaggio), le Roques, (antichi camini vulcanici), le scogliere e gole mozzafiato.




– Flora: il clima particolare della zona rende possibile l’esistenza di uno dei campioni più importanti di laurisilva al mondo (un tipo di foresta nativa di più di 40 milioni di anni), ora conservato solo nelle isole Canarie, Madera e alcune isole delle Azzorre. E’ una risorsa molto importante, dal momento che la sua massa fitta forestale trattiene l’umidità, ricaricando così le falde acquifere (depositi naturali di acqua sull’isola).
– Fauna: la fauna predominante è costituita da invertebrati, ma anche gli uccelli abbondano. In realtà il parco è stato dichiarato zona di protezione speciale per gli uccelli.
– Incantevoli villaggi: tutto il parco è disseminato di insediamenti umani che istituiscono un armonioso e bello paesaggio rurale. A questo va aggiunto il valore culturale derivante dall’utilizzo dell’area dagli aborigeni.

Cos’è la laurisilva? Chiamato anche monteverde, foresta pluviale temperata o foresta di alloro è un fossile vivente del periodo Terziario (circa 20 milioni di anni fa), formata principalmente da alberi della famiglia delle Lauraceae. Questo tipo di foresta si trova solo nelle zone temperate, umide, senza gelate e dove non ci sono variazioni di temperatura molto brusche tra le stagioni.

Popolazione, cultura e tradizioni

Più di 2000 persone vivono attualmente nei 26 centri abitati del parco. La ripida orografia e le difficoltà per raggiungere queste aree hanno contribuito al mantenimento di una singolare forma di insediamento umano nel territorio che fornisce un prezioso patrimonio culturale.

Nei primi secoli, dopo la conquista, fiorirono città come Taganana, con un’economia di esportazione di prodotti come la canna da zucchero e il vino. Successivamente, le terre di Anaga furono dedicate ai prodotti di sussistenza e alla fornitura domestica, un compito arduo, che richiedeva lo sforzo per costruire e mantenere le terrazze sui pendii ripidi; per produrre e poi trasportare i prodotti attraverso le montagne e rifornire La Laguna o Santa Cruz.

Grazie alle sue condizioni naturali e alla dedizione della sua gente, Anaga custodisce un tesoro di varietà locali di prodotti unici, come las papas borrallas, le varietà di patate dolci, patate dolci, viti e molti alberi da frutto, nonché molte pratiche ecoculturali che evidenzia ancora di più l’unicità ambientale e culturale di questa regione di Tenerife.

Viator

Cosa fare

Questo parco rurale offre molte opzioni per godere di escursioni a piedi, in mountain bike o a cavallo.

Il punto più famoso per entrare nella Laurisilva è il sentiero della foresta incantata (sendero del bosque encantado). Un altro posto da non perdere e Tenerife. Si può prendere anche il percorso dei sensi (sendero de los sentidos) molto più breve.

Seguendo la strada verso il Bailadero ci sono molti punti panoramici dove è possibile fermarsi per qualche minuto per ammirare il paesaggio.

Un pò prima di raggiungere il Bailadero c’è un bivio da dove si può andare nella città di Taganana, la più grande della zona, molto vicino alla città si trovano le spiagge Almáciga e Benijo e anche i Roques de Anaga.

Se si preferisce il mare, si può andare in barca a vela, fare immersioni, surf, kayak, sci d’acqua o wakeboard. Si deve prestare attenzione alle zone di protezione speciale all’interno del parco.

Da non perdere il trekking attraverso la Valle di Masca fino alla costa dove prendere una barca per raggiungere il porto di Los Gigantes.

Se volete sapere qualcosa di più della zona, visitate il Centro Visitatori Cruz del Carmen, che si trova a San Cristobal de La Laguna e organizza visite speciali per gruppi.

Sentiero nel Parco rurale di Anaga

Sentiero nel Parco rurale di Anaga

 

Rispondi